Miele di Manuka

Come nasce il Miele di Manuka?

Proviene dall’alveare per arrivare nelle dispense di tutto il mondo, il miele di manuka è uno dei regali unici di Madre Natura. Quello originale proviene solo da alveari nelle zone remote e incontaminate della Nuova Zelanda.

Qual è la pianta di Manuka?

fiore miele di manuka originale nuova zelandaLa pianta di Manuka (Leptospermum Scoparium è il nome botanico) è originaria della Nuova Zelanda. Si tratta di un arbusto sempreverde che cresce da 2 a 5 metri di altezza. In Nuova Zelanda, la pianta di Manuka cresce spontaneamente sia nell’isola del Nord che nell’isola del Sud.

Ogni cespuglio di Manuka fiorisce in tarda primavera è viene coperto con i fiori bianchi rendendo le colline sembrano veramente coperte di neve.

La fioritura avviene solo per 4 settimane, quindi le api devono darsi veramente da fare !!!

Come è stata utilizzata tradizionalmente la pianta di Manuka ?

Le tribù Maori che sono arrivati ​​in Nuova Zelanda più di mille anni fa, usavano il legno di Manuka per produrre pale e maniglie per i loro strumenti e per le armi. Per curare raffreddori e febbri facevano un tè fatto facendo bollire le foglie.

In realtà, il nome comune, “Tea Tree”, è stato dato alla pianta di Manuka nel 1769 dall’esploratore britannico, James Cook, che ha usato questo tè potente per curare la pelle e le malattie dell’apparato digerente tra il suo equipaggio. La corteccia interna è stata bollita e usata come un sedativo.
Il Manuka è stato utilizzato sia esternamente che internamente. La corteccia è stata utilizzata per il trattamento di ustioni, ferite, malattie della pelle, e per le patologie reumatiche.

Oggi sappiamo che il “Tea Tree” è tutto un altro tipo di pianta, anche se molto somigliante.

Quando sono state introdotte le api nella Nuova Zelanda?

Le api sono state introdotte in Nuova Zelanda nel 1839 dai missionari europei. Il territorio ha fornito un luogo ospitale per le api. L’apicoltura intesa come industria è cresciuta costantemente nel tempo.

Com’era utilizzato all’inizio il miele di Manuka?

Fino al 1930, il miele prodotto dai cespugli Manuka è stato però considerato un miele di bassa qualità e gli apicoltori del Manuka davano il miele gratis ai produttori di latte che lo usavano insieme ai mangimi per le mucche.

La storia racconta che i contadini notavano come le mucche che si nutrivano di questo miele particolare non soffrivano di malattie infettive rispetto agli altri animali che non ne mangiavano. Questo è stato probabilmente uno dei primi indizi c’era qualche tipo di speciale attività nel miele di Manuka.

Il Miele di Manuka è biologico?

Il Miele di Manuka MGO prodotto da Manuka Health cresce spontaneamente in aree incontaminate remote della Nuova Zelanda.
Per arrivare a queste aree gli apicoltori di Manuka Health a volte hanno bisogno di attraversare fiumi di montagna o devono utilizzare addirittura gli elicotteri.

A volte ci si chiede se il miele di Manuka provenga da agricoltura biologica o meno.

L’agricoltura biologica non è un grosso problema in Nuova Zelanda, perché l’agricoltura è basata sul pascolo. Non è una agricoltura basata sul raccolto, quindi non ci sono delle colture dove un agricoltore debba usare erbicidi, pesticidi o insetticidi.

Bisogna tenere bene a mente che la pianta di Manuka cresce spontaneamente in Nuova Zelanda. Non ci sono frutteti di Manuka. Esso copre miglia e miglia di colline.

Quando il miele di Manuka è stato scoperto dalla scienza?

Finalmente nel 2006, il professor Thomas Henle presso l’Università Tecnica di Dresda in Germania, ha scoperto che i livelli molto elevati di Metilgliossale naturale presenti nel miele di Manuka sono i responsabili delle le sue proprietà uniche.

Miele di Manuka Salute in Erba

Altro sul Miele di Manuka